Biografia

Alessio Murgia si è diplomato in violino presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino nel 1986; nello stesso anno a far parte dell’Orchestra del Teatro Regio di Torino.
Nella sua più che trentennale esperienza violinistica ha suonato sotto la direzione di Gianandrea Noseda, Semyon Bychkov, Valerij Gergiev, Christian Thielemann, Alain Lombard, Neville Marriner, James Levine, Riccardo Muti e artisti come Martha Argerich, Mischa Maisky, Vadim Repin, Enrico Dindo, Leônidas Kavakos
 
Dal 1983 al 1989 ha collaborato con l’Orchestra da Camera di Torino, con la quale ha partecipato a circa 200 concerti come prima parte e in qualità di solista, ospite di prestigiose associazioni concertistiche e festival fra i quali: Unione Musicale, Settembre Musica, Accademia di Santa Cecilia, Festival di Mantova, Stresa Festival, Noto Musica Festival.
 
Con l’ensemble Nonetto Italiano nel 1992 ha vinto il Primo Premio al Concorso Internazionale “Rovere d’Oro” di San Bartolomeo al Mare (Imperia), nella categoria “musica da camera”.
 
Nell’anno 2000 ha inciso in prima mondiale per l’etichetta Video Radio Classic un disco con musiche dell’autore sardo Lao Silesu.
 
Nel 2004, insieme ad altri professori dell’Orchestra del Teatro Regio di Torino, ha fondato l’ensemble cameristico “C’era una volta… il Cinema”, con il quale esegue un repertorio concentrato sulle più celebri colonne sonore di musica da film, di cui ha curato l’arrangiamento. L’ensemble ha anche inciso in autoproduzione un disco con musiche di Ennio Morricone, Nicola Piovani, John Williams, Fiorenzo Carpi, Alan Menken, Bruce Broughton e Nino Rota.
 
Da questa esperienza è nata la decisione di intraprendere un percorso musicale nuovo come compositore, arrangiatore e orchestratore scrivendo anche per altri complessi da camera nati in seno all’Orchestra del Teatro Regio di Torino, in particolare per il Rossini String Ensemble e per il quintetto di ottoni Pentabrass.
 
Nel 2007 si è posizionato al 2° posto al Concorso Nazionale di Arrangiamenti per Quintetto di Ottoni di Sciolze (To).
 
Intensa e proficua la collaborazione con gli “Gli 8 violoncelli di Torino” per i quali, oltre ad aver arrangiato musiche da film e scritto una Fantasia dall’ouverture dell’opera Nabucco di Giuseppe Verdi, ha dedicato Otto variazioni sul tema della canzone francese Ah, vous dirais-je maman.

Questo brano è stato eseguito anche da The Cellos of the Sydney Symphony Orchestra il 19 giugno 2019 presso la sala della Sydney Opera House in diretta radiofonica  ABC.


 
Ha collaborato come orchestratore con la Filarmonica Teatro Regio Torino, l’Orchestra Camerata Ducale di Vercelli - per la quale ha firmato l’orchestrazione dello spettacolo Audizioni alla camerata Ducale
Ha collaborato con Ezio Bosso come assistente alle partiture, curando in particolare la partitura della Sinfonian. 1 “Oceans”, incisa per l’etichetta Sony e per il video Piemonte Symphony.
 
Con il compositore e pianista Giorgio Bolognese ha curato le orchestrazioni degli spettacoli per Charity4All Onlus, suonando anche come Primo violino.
 
Il 10 settembre 2017 a Trivero (Biella), presso gli stabilimenti del lanificio Zegna, è stata eseguita dall’Orchestra dell’Accademia Filarmonica Teatro Regio Torino, diretta da Marco Alibrando, la prima esecuzione assoluta della sua Sinfoniettaper archi, dedicata alla figura di Ermenegildo Zegna.
 
Il 21 aprile 2018, a Jesi, il violoncellista Umberto Clerici, primo violoncello della Sydney Symphony Orchestra e premio ńĆajkovskij, ha eseguito in prima assoluta le Otto variazioni per violoncello e orchestra, a lui dedicate, nella versione orchestrale accompagnato dalla FORM, Orchestra Filarmonica Marchigiana.